Se scrivi “fuck” in un tweet…che succede? Lo scopro grazie ai fan di Bieber


Non penso proprio sia generalizzabile, ma questo almeno è quanto è successo a me. Capita molto spesso che guardando i trend topic di Twitter, trovo qualche voce misteriosa, che proprio non riesco a spiegarmi e a connettere a quello che sta succedendo nel mondo. Altrettanto spesso capita che poi indagando un po’ di più ricollego questi trend topic a qualcosa che riguarda Justin Bieber, per chi non lo conosce Wikipedia lo definisce “cantante, musicista e cantautore canadese”, nato nel 1994…insomma una sorta di adolescente prodigio che canta. In genere nascono dei trend topic grazie alle sue schiere di fan che lo idolatrano, i quali infilano il suo nome in qualche frase da twittare per dimostrargli quanto lo amano e poi la twittano e ritwittano come pazzi fino a farla diventare TT. Addirittura sempre da Wikipedia scopro che: “Nel settembre 2010, venne riferito che Bieber rappresenta il 3% di tutto il traffico di Twitter.”

Ma non c’è solo chi vuole bene al povero Justin, sempre stando a Wikipedia chi lo detesta si prodiga molto per minare la sua reputazione:

“La ricerca “Justin Bieber Sifilide” è stata in cima alla lista di Google Trends Hot Searches[7]; il suo account di Youtube venne violato da un hacker. Ricorrenti sono state le notizie che davano il cantante per morto in un incidente d’auto o che alla madre furono offerti 50.000 dollari per posare in topless per Playboy[40]. Nessuna notizia risultò veritiera, vennero tutte smentite da Bieber stesso sul suo account Twitter[40].”

Il suo account Twitter è diventato un vero e proprio house organ, ha oltre 17 milioni di follower, un numero pazzesco se pensiamo che l’Italia ha 60 milioni di abitanti, è come se quasi un italiano su 3 fosse un suo follower (e a questo punto mi guarderei intorno per capire chi potrebbe essere tra me e le due persone che ho vicino). Tra l’altro poco distante anche da Lady Gaga che ha circa 19 milioni di follower. L’account del piccolo Justin è anche un’inesauribile fonte di notiziabilità (vedi la notizia Justin Bieber usa Twitter per trovare donatori d’organi a una giovane fan, no comment anche qui).

Arrivo al punto.

11 febbraio 2012, muore Whitney Houston. Come prevedibile lei entra di diritto tra i TT con il suo nome, i vari Withney RIP, i titoli delle sue canzoni tra cui l’indimenticabile I will always love you, colonna sonora di The Bodyguar … Nel giro di poco tempo cosa trovo tra i TT?  Questo: We Will Always Love Justin

Non mi esprimo sul piano morale, ma che la morte di una vera cantante sia stata stupidamente strumentalizzata però mi sembra chiaro. Mi è venuto abbastanza naturale rispondere twittando (data: 12 febbraio): “We Will Always Love Justin” what the hell this is a fucking stupid idea! Please stop twitting this stupid thing.

Rieccomi al punto. Nel giro di due giorni mi hanno iniziato a seguire due avvenenti ragazze straniere con foto profilo in bikini, Tracy e Micha, la descrizione di quest’ultima in particolare consiste in ben poche ma chiare parole: I Like To Fuck ! con l’aggiunta di un link shrinkato su cui logicamente non ho voluto cliccare. Sicuramente account fake e sicuramente mi hanno seguito perchè ho inserito in un tweet la parola fuck… non indago sulle dinamiche che possano spiegare perchè questo succeda.

Ho riprovato a in seguito, il 15 febbraio ore 23.50, un tweet dicendo in un tweet ho scritto “fuck” e hanno iniziato a followarmi ragazze americane in bikini #provatelo e #fatemisapere magari a qualcuno  chissà se anche questa volta mi guadagnerò altre due fake bonazze straniere?

Sto sulla riva del fiume ad aspettare il cadavere del nemico che passi…intanto le due fake bonazze straniere sono scomparse, lasciando solo questo triste ricordo:

4 risposte a “Se scrivi “fuck” in un tweet…che succede? Lo scopro grazie ai fan di Bieber

  1. Pingback: Bibier prova ad agguantare il Guinness grazie ai social network | MentalClaud – Il piacere dell'inutile

  2. Pingback: La truffa degli account fake a cavallo tra Twitter e YouTube | MentalClaud – Il piacere dell'inutile

  3. Pingback: Grazie ai Belieber ecco un esempio per scoprire gli account fake (e quello che cercano di fare) | MentalClaud – Il piacere dell'inutile

  4. Pingback: Twitter festeggia i 25 milioni di follower di Bieber con un flash mob | MentalClaud – Pillole e Curiosità dalla Rete

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...