Archivi del mese: luglio 2012

Anche Google festeggia le Olimpiadi con un doodle diverso ogni giorno

 

 

Durante queste Olimpiadi di Londra Google dedicherà ogni giorno un nuovo doodle ai giochi. Quello di oggi è sulla scherma ad esempio….qui sotto ecco uno slideshow con tutti gli altri realizzati finora che ho ripescato da questo articolo di Tecnocino.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Altri post dedicati a Google e ai Doodle:

Annunci

I video più visti di YouTube del Lunedì – 30 luglio: chi è Park Jae Sang?

Questo lunedì* scelgo due video tra i dieci più visti secondo YouTube Trends Dashboard.

Un’immagine sobria di Park Jae Sang

 

 

Il primo video è quello del nuovo brano creato dall’artista sudcoreano Park Jae Sang, GANGNAM STYLE: ritmo irresistibile, coreografie degne dell’asilo Mariuccia, costumi e look che farebbero invidia a Malgioglio….

Il secondo: ancora gatti…** impossibile non ricascarci….

 

I dieci video più visti su YouTube secondo YouTube Trends Dashboard 3o luglio 2012

30.07.2012 – I video più visti in Italia secondo YouTube Trends Dashboard Clicca sull’immagine per ingrandirla

*Ogni lunedì guardo quali sono i video più visti in Italia utilizzando YouTube Trends Dashboard…Per vedere tutti i post del lunedì dedicati a YouTube basta cliccare  nella colonna in alto a destra IL POST DEL LUNEDI’: i video più visti su YouTube.

** Altri post sui gatti che avrei potuto fare a meno di scrivere:

– Non dire gatto….

– Immagino un mondo dove i proprietari di gatti..abbiano di meglio da fare che iscriversi a Griddixcat

– I video dei gatti hanno conquistato anche me…

– Gatti in cerca d’autore: cose strane sui gatti ripescate dalla rete

Atleta greca viene esclusa dalle Olimpiadi a causa di un tweet razzista

L’atleta greca espulsa dalle Olimpiadi Voula Papachristou

Scopro questa storia in un0 Storify e un articolo della CBC che provo a riassumere. L’atleta greca Voula Papachristou è stata espulsa dai giochi. La motivazione? For statements contrary to the values and ideas of the Olympic movement, ovvero per aver espresso frasi contro i valori e gli ideali delle Olimpiadi.

Questa decisione si riferisce al suo comportamento su Twitter, in particolare a un tweet in cui scrive “Con così tanti africani in Grecia, almeno le zanzare del Nilo si mangeranno del cibo portato da casa”. Le zanzare del Nilo qui citate sono quelle conosciute anche come West Nile mosquitoes che arrivano dal Nord dell’Africa e trasmettono la febbre del Nilo. Di recente in Grecia i media hanno dedicato attenzione a questi insetti perchè il loro numero sta aumentando sensibilmente…dando l’ispirazione per il tweet incriminato. Il riferimento poco amichevole agli immigrati di origine africana presenti in Grecia è limpido.

Subito le persone su Twitter hanno cominciato a stuzzicare gli sponsor degli atleti olimpici greci, in particolare Samsung e P&G, chiedendo di prendere le distanze rispetto all’affermazione della Papachristou.

Intanto le scuse dell’atleta greca sono arrivate su Twitter…ma troppo tardi. Il danno era già stato irrimediabilmente fatto.

La Papachristou si era già messa in cattiva luce. Aveva infatti retwittato in precedenza alcune frasi di Ilias Kasidiaris, rappresentante di un partito di estrema destra greco chiamato Golden Dawn. Tale personaggio è balzato nei mesi scorsi all’attenzione dei media per aveva dato di matto nel corso di un dibattito in TV dove erano presenti due donne dello schieramento opposto: a una ha tirato addosso dell’acqua, l’altra l’ha presa a sberle (per vedere il video, ecco il link all’articolo originale). Immagino quindi quale possa essere il tono delle frasi di Kasidiaris che l’atleta greca ha ritwittato….

Abbiamo la prima vittima delle Olimpiadi esclusa per via di un comportamento scorretto sui social media. Ne vedremo altri prima della fine dei giochi?

 

Chi conosce tutti e 4 i nomi dei Teletubbies?

Se non stai cantando hai superato la prova. Complimenti.

Raffella Fico e il test del DNA: a quanti italiani interessa?

Considerando che la parola DNA oggi era tra i trend topic, di sicuro la questione interessava almeno agli italiani che usano Twitter. Che aggiungere? E’ sufficiente questa fantastica vignetta.

Altri post sull’argomento:

 

Con Twitter le persone decideranno di che colore illuminare Londra durante le Olimpiadi

Questa è una trovata davvero bella. Il London Eye (la ruota panoramica di Londra per dirla in parole povere) durante le Olimpiadi cambierà colore in base all’umore che trapelerà dai tweet riferiti proprio alla tanto attesa manifestazione sportiva.

Come scopro in questo articolo di Mashable, la cosa funzionerà così:

  • un team monitorerà il sentiment (positivo o negativo) dei tweet che contengono le parole “Olympics,” “Torch Relay,” “#energy2012″ e “London 2012.”
  • tutti i tweet verranno analizzati con un algoritmo per capire se hanno un contenuto positivo o negativo
  • a seconda di quale dei due “umori” avrà la meglio il London Eye avrà un colore diverso (giallo, verde o viola rispettivamente positivo, negativo o neutro) nel corso di uno spettacolo di luci notturno che si terrà ogni giorno

Per godersi un piccolo anticipo dello spettacolo basta guardare il video…e per influenzare il colore basta twittare!

Paris Hilton incontra Magic Johnson su Twitter

Della serie incontri del terzo tipo. Per fortuna che c’è Twitter, altrimenti non lo avremmo mai saputo…

Twittamentary: il documentario su Twitter

Un vero e proprio docu-film su Twitter realizzato dal regista di Singapore Siok Siok nell’arco di tre anni, raccogliendo racconti di persone nei vari angoli dell’America che hanno deciso di raccontare come il social network dei 140 caratteri abbia cambiato influenzato la loro vita.

Belle le ultime parole del trailer: non è Twitter a poter cambiare le cose, ma le persone possono farlo. Insomma, il social media è e rimane un mezzo. Quello che conta è chi ci sta dietro.

Il film non è disponibile gratuitamente. Maggiori informazioni qui: www.twittamentary.com/home.html

Quali dei nostri dati personali sono raccolti dai social network? E come vengono usati? [INFOGRAFICA]

Per ogni domanda c’è una risposta. E quando la risposta è un’infografica lo preferisco. Quindi…

 

Per chi volesse saperne di più, ecco l’articolo di Mashable che tratta l’argomento.

La cartina dell’Australia in 3D realizzata coi Lego: con Build di Google si può

50 anni fa i mattoncini Lego sbarcavano in Australia. Per festeggiare questo importante compleanno Lego ha deciso di unirsi a Google creando Build: si tratta di un simulatore per Chrome che ti permette di costruire direttamente sulla cartina dell’Australia la tua casetta fatta di Lego.

La homepage di Build da cui si può iniziare a esplorare la cartina alla ricerca delle case di mattoncini già realizzate – Cliccare sull’immagine per accedere a Build

 

Per chi è troppo pigro per costruire la propria casetta ma è comunque curioso di vedere le creazioni degli altri, basta cliccare sulla cartina per andare alla scoperta di cosa è già stato costruito coi mattoncini colorati…come quello che ho trovato io:

 

Insomma…inizi la ricerca per i più curiosi! Chi trova qualcosa di interessante me lo segnali 🙂 Sperando venga fatto anche in Italia!